Il sapore della solidarietà

Venerdì 22 Aprile

Dalle ore 19,45 – showroom Bonansea  

Via Circonvallazione 8/a – Buriasco (TO)

Il 22 aprile presso il nuovo showroom di Bonansea a Buriasco (TO) avrà luogo una serata particolare da vivere e trascorrere all’insegna della solidarietà.

Il sodalizio tra Bonansea – l’azienda artigiana di Buriasco specializzata nella creazione di scale e di complementi di arredo – con il MIG  Associazione Gruppo Missioni Giovani onlus è nato già qualche anno fa: “ Abbiamo da sempre sostenuto il MIG per i progetti che portano avanti a favore dei bambini. Nel 2010 siamo stati a Cristinápolis a visitare la scuolina e a dare una mano con le opere di manutenzione: ci siamo dedicati alla costruzione di altalene, giochi e anche piccole opere di ristrutturazione. E’ stata un’esperienza intensa che ci ha fatto capire quanto siano importanti anche le piccole briciole che si possono raccogliere qui. Con *** euro per esempio…..”

L’associazione costituita nel 2007 persegue finalità di solidarietà sociale, basando il proprio impegno sui principi del volontariato: i suoi scopi sono volti alla nascita di progetti di alfabetizzazione e inserimento nella società di ragazzi in condizioni di forte disagio, sociale ed economico. Allo stesso tempo si prefigge di sensibilizzare sulle tematiche della povertà e della discriminazione promuovendo lo sviluppo di un senso di solidarietà sociale.

Bonansea che da tempo sostiene le attività dell’Associazione, ha deciso di organizzare una serata dove cibo, musica e letture convivano per aiutare in modo concreto ma piacevole un progetto dedicato ai più piccoli: una “scuolina” per i bambini di San José.

Il Centro São José è una scuolina di Cristinápolis, una cittadina di circa 19.000 abitanti, situata nel Sergipe, lo stato più piccolo del Brasile. Ogni giorno la scuolina accoglie quattro classi di bambini dai 3 ai 10 anni, fornendo loro l’istruzione necessaria a garantirgli un futuro e garantendo ogni giorno un pasto sicuro.

Il centro è gestito dalle suore di San Giuseppe, e oltre ad essere per la comunità un prezioso punto di riferimento (non solo come scuola per i bimbi, ma anche come luogo di ritrovo per attività che coinvolgono le famiglie), offre posti di lavoro per le cuoche che preparano i pasti e per le maestre.

Il progetto prevede il raggiungimento di una cifra tale da permettere di coprire i costi di gestione del centro São José per un anno. Ciò significa contribuire alle spese legate non soltanto all’utilizzo dell’acqua, della luce e del gas, ma anche dei pasti per i bambini, del materiale scolastico, dei medicinali per il primo soccorso, dello stipendio delle maestre e delle cuoche. Il progetto permetterebbe al centro São José di autofinanziarsi per un intero anno, assicurando ai bimbi che lo frequentano un percorso scolastico ed educativo. Inoltre, per molti di loro, il pranzo e la merenda fatta a scuola costituiscono l’unico pasto fisso durante la giornata, perché non sempre le famiglie riescono a garantire il cibo a tutti i loro figli.

La serata è organizzata per condividere buon cibo, la musica di Giovanni e Lucia Battaglino del gruppo Malecorde e le parole di Laura Salvai.

 

Offerta libera –  Tutto il ricavato della serata sarà devoluto al progetto della «scuolina» di Cristinápolis in Brasile